Banner

Sosta selvaggia in centro, stop solo se presidiato dalla Polizia locale. Il vero problema è la mancanza di rispetto. Delle persone prima che delle regole

http://www.bianews.it/img/Galeconlasosta.jpg



Articolo del: 10/12/2019 08:09:01

Da qualche settimana la Polizia locale di Abbiategrasso sta sperimentando turni di presidio del centro storico per cercare di prevenire il fenomeno della sosta selvaggia nelle strade all’interno del quadrilatero dei bastioni dove in teoria sarebbe permanentemente vietata, salvo rare eccezioni di parcheggi caratterizzati da stalli blu (pagamento con parchimetro, come piazza Cavour, piazza Cinque Giornate, corso San Martino) o a disco orario (come via Annoni).


C’è da dire che quando, come qualche sera fa, la pattuglia della Polizia locale si ferma con i lampeggianti accesi in una strada del centro storico, magicamente nessuno si azzarda a lasciare la propria macchina lungo la via per sbrigare le sue “commissioni veloci” o per infilarsi in qualche negozio o bar come se niente fosse. Ma va anche specificato che l’effetto “magico” è di breve durata: non appena la macchina della Polizia locale si allontana, il solito andazzo riprende tale e quale. 


Come fare, dunque? O destinare permanentemente una pattuglia di vigili a presidiare il centro (la qual cosa evidentemente non è possibile oltre a non avere senso); o dotare le strade dove la sosta è vietata di telecamere specificamente dedicate alla repressione delle trasgressioni al codice (insomma, ti fotografo e ti multo); o chiudere definitivamente il centro al traffico per evitarne l’attraversamento immotivato, eliminando il problema alla radice; o mettere in atto azioni efficaci di educazione e di persuasione con l’impiego di segnaletica specifica e di annunci che invitino gli automobilisti al rispetto, più e prima ancora che delle regole, delle persone: oltre a diversamente abili e invalidi, pedoni e ciclisti che dovrebbero essere premiati per la loro scelta virtuosa e ad inquinamento zero.


Belle parole. I fatti sono quelli, per il momento, rappresentati dalle foto che pubblichiamo, tutte recentissime, scattate nello scorso fine settimana: da sinistra in basso, procedendo in senso orario, fila di macchine in corso Matteotti lato destro, assembramento in corso Italia con auto parcheggiate sui due lati, fila di macchine in corso XX Settembre verso sera e infine un inedito corso Italia senza auto, a parte quella della Polzia locale col suo bel lampeggiante blu. 


Quanto tempo occorrerà per ripristinare la normalità ed estirpare l’abitudine ormai diffusa a ignorare tranquillamente un divieto che esiste sì da anni, ma praticamente solo sulla carta? Questa mattina, martedì 10 dicembre, giorno di mercato a ridosso delle festività natalizie, sarà intanto interessante seguire la sfida tra agenti di PL e automobilisti indisciplinati.


Marco Aziani (“Ordine e Libertà”) - servizio sull’edizione da venerdì 13 dicembre nelle edicole



Loggati al sito per poter commentare l'articolo

Webmaster Alessandro Russo E-Mail:webmaster@russoalessandro.net
www.russoalessandro.net